"Prendete, prendete quest’opera e ‘non sigillatela’,
ma leggetela e fatela leggere"

Gesù (cap 652, volume 10), a proposito del
Evangelo come mi è stato rivelato
Print Friendly and PDF

La vita di Maria Valtorta

Maria Valtorta nacque a Caserta il 14 marzo 1897, figlia unica di un ufficiale di Cavalleria e di una ex-insegnante di francese, entrambi lombardi. Crebbe e si formò in varie città del nord (Faenza, Milano, Voghera) mostrando un carattere forte, spiccate capacità umane e straordinarie doti spirituali. Completò i suoi studi nel prestigioso Collegio Bianconi di Monza.
Durante la prima guerra mondiale fu infermiera “samaritana” nell’Ospedale Militare di Firenze, città in cui abitò a lungo e dove fu segnata dalle prove più dure, procurate dalla terribile mamma, che per due volte infranse un suo legittimo sogno d’amore, e da un sovversivo, che per strada le sferrò una bastonata alle reni. Si ritemprò, in parte, con una vacanza di due anni a Reggio Calabria, presso parenti facoltosi e affezionati.
Nel 1924 si stabiliva con i genitori a Viareggio, dove fu impegnata in Parrocchia come delegata di cultura per le giovani di Azione Cattolica. Intanto le sue sofferenze aumentavano e la sua ascesi culminava in eroiche offerte di sé per amore a Dio e all’umanità. La sua vera missione, quella di scrittrice mistica, maturò e si svolse negli anni centrali della sua lunga infermità, che la costrinse a letto dal 1934 fino alla morte, avvenuta a Viareggio il 12 ottobre 1961.
• Nel 1943, inferma da nove anni, Maria Valtorta aderì ad una richiesta del confessore e scrisse l’Autobiografia. Svelando il suo talento di scrittrice, riempì di getto sette quaderni per narrare senza reticenze la propria vita, umana fino alla passionalità, ascetica fino all’eroismo. Subito dopo dava inizio ad una produzione letteraria prodigiosa.
L’opera maggiore di Maria Valtorta, pubblicata in 10 volumi, è L’Evangelo come mi è stato rivelato.Stando seduta nel letto, Maria Valtorta scriveva di suo pugno su comuni quaderni, di getto, senza preparare schemi né correggere. Spesso alternava la stesura degli episodi dell’opera maggiore con quella di altri argomenti, che avrebbero poi dato corpo alle opere minori.
Queste ultime sono state pubblicate – oltre al volume dell’Autobiografia – in sette volumi:
• quattro volumi di miscellanea intitolati I Quaderni (rispettivamente del 1943, del 1944, del 1945-50) e Quadernetti;
• il volume intitolato Libro di Azaria;
• il volume delle Lezioni sull’Epistola di Paolo ai Romani;
• il volume delle Lettere a Mons. Carinci.
EDITORE E DISTRIBUTORE GENERALE:
Centro Editoriale Valtortiano - 03036 Isola del Liri (FR) – Italia
http://www.mariavaltorta.com/ cev@mariavaltorta.com

1 commento:

  1. Non oso postare un mio commento se non il convincimento della straordinaria Spiritualità che ha pervaso la vita di questa straordinaria Creatura di Dio.

    RispondiElimina